Ashwagandha (Ginseng Indiano): Proprietà, Utilizzi, Controindicazioni

L’Ashwagandha, ovvero il Ginseng Indiano, denominato nello specifico anche Withania somnifera consiste in una pianta curativa particolarmente sfruttata in campo medico ayurvedico, risultando una delle piante più forti ed efficaci presente in natura conosciuta sin dai tempi antichi.

L’Ashwagandha viene utilizzata soprattutto in corrispondenza del suo potere ricostituente. Attraverso questa nuova guida dettagliata ci occuperemo di approfondire tutte le qualità e le proprietà legate al Ginseng Indiano, soffermandoci in particolar modo anche sulle eventuali controindicazioni e sulle diverse assunzioni.

Ashwagandha (Ginseng Indiano): tutto quello che occorre sapere sulla pianta

Il Ginseng Indiano Ashwagandha vanta numerose proprietà benefiche associate alla salute dell’organismo tra cui un potere ricostituente, integrando proprietà di ringiovanenti. La pianta risulta parte della stessa famiglia da cui si originano i pomodori, presentando foglie ovali e fiori dalla colorazione gialla, con frutti tendenti invece al rosso vivo.

La pianta del Ginseng Indiano Ashwagandha trova il suo habitat ideale all’interno dei climi tipicamente secchi quali l’India, l’Africa e il Medio Oriente, odiernamente coltivata anche in presenza di climi maggiormente miti, compresi gli Stati Uniti d’America. L’ashwagandha viene sfruttata contro lo stress, la mancanza di concentrazione, l’affaticamento, in supporto del benessere quotidiano.

Le proprietà essenziali della pianta si concentrano all’interno delle foglie, compresi i frutti, mentre anche le radici risultano efficacemente utilizzabili. L’ashwagandha integra un effetto benefico per il sistema immunitario, utile contro lo stress, come incremento per la memoria e la concentrazione, a diminuzione dell’ansia, regolante per la presenza degli zuccheri nel sangue e per i valori del colesterolo, con proprietà rinvigorenti ed antiinfiammatorie, oltre ad un potere afrodisiaco.

L’ashwagandha si attiva contro l’invecchiamento precoce, i reumatismi, l’ipertensione. Le controindicazioni della pianta la rendono inutilizzabile nel periodo della gestazione femminile. L’assunzione della pianta dovrà prevedere il parere del proprio medico soprattutto in presenza di eventuali disturbi patologici.

ATTENTIZIONE ALLE TRUFFE!

Avvisiamo tutti i nostri lettori di prestare molta attenzione ai siti ingannevoli che trovate online, molti di essi conducono a truffe! Solo nel qui avete la certezza di trovare il sito ufficiale del prodotto originale! Tutte le informazioni in questo pagina sono da considerarsi a titolo informativo e non sostituiscono in nessun modo il consulto da parte di un medico.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota per primo!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password