Emocromatosi: Sintomi, Diagnosi, Trattamenti

Per emocromatosi si intende una patologia ereditaria, denominata anche Diabete Bronzino, comportante un accumulo in eccesso di ferro all’interno dei tessuti dell’organismo. In questo specifico caso una diagnosi e un trattamento mirato e preventivo risultano in grado di arginare eventuali complicazioni ai danni di fegato, cute, ipofisi, cuore, pancreas, articolazioni, ghiandole sessuali, gonadi.

Alla base della cause principali date dall’emocromatosi si trova l’alterazione autosomatica recessiva del gene HFE indirizzato nel cromosoma 6, presentando un corredo sintomatico più grave nelle donne in menopausa e negli uomini. Attraverso questo nuovo articolo guidato ci occuperemo di approfondire il corredo sintomatico dato dalla patologia, soffermandoci in particolar modo sui sintomi e gli eventuali trattamenti.

Emocromatosi: tutto quello che occorre sapere

In presenza della patologia detta emocromatosi, dovuta ad un accumulo eccessivo del ferro nei tessuti interni dell’organismo, si denoterà soprattutto un colorito tendente al bronzo in direzione della pelle del soggetto, sotto una gradazione simile anche al grigio-ardesia, concentrato sulle zone scoperte della cute.

In presenza dell’emocromatosi si andranno ad enfatizzare i seguenti sintomi: stanchezza eccessiva, stato di letargia, assenza di libido, ipogonadismo, dolori addominali, dolori articolari, ingrossamento del fegato o epatomegalia, sotto conseguenze anche gravi a seconda delle casistiche e delle tempistiche d’intervento.

Il corredo sintomatico tende ad evidenziarsi in maniera lenta e progressiva, generalmente dopo i 40 anni di età del soggetto o durante la fase della menopausa femminile, sotto cause sideroblastiche, anemia, talassemia, assunzione eccessiva di vitamina C e ferro, epatopatia alcolica. L’emocromatosi viene diagnosticata attraverso le analisi del sangue, oppure tramite biopsia epatica, sotto l’importanza di eseguire i relativi test anche ai famigliari del soggetto affetto.

I trattamenti medici mireranno alla rimozione del ferro in eccesso all’interno dell’organismo tramite una terapia chelante a basi di farmaci specifici, l’eliminazione tramite le urine, andando a modificare anche l’alimentazione del soggetto a base di cereali integrali e verdure.

ATTENTIZIONE ALLE TRUFFE!

Avvisiamo tutti i nostri lettori di prestare molta attenzione ai siti ingannevoli che trovate online, molti di essi conducono a truffe! Solo nel qui avete la certezza di trovare il sito ufficiale del prodotto originale! Tutte le informazioni in questo pagina sono da considerarsi a titolo informativo e non sostituiscono in nessun modo il consulto da parte di un medico.

0 Comments

Leave a Comment

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota per primo!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password