Gymnema: Proprietà, Utilizzi, Controindicazioni

La Gymnema consiste in una pianta rampicante di grandi dimensioni dalla denominazione botanica Gymnema sylvestre, appartenente alla famiglia delle Asclepiadaceae sotto un habitat tipico dato dalle zone tropicali di Africa, Asia e Australia, ma originaria di India e Sri Lanka.

La pianta della Gymnema risulta conosciuta sin dai tempi antichi, trovando un ampio impiego all’interno della medicina cinese e ayurvedica, presentando proprietà ipoglicemizzanti, andando a regolarizzare l’assorbimento del glucosio a livello intestinale, introdotta di recente anche all’interno dell’Occidente.

Attraverso questo nuovo articolo ci occuperemo di approfondire tutte le proprietà specifiche della pianta Gymnema, soffermandoci in particolar modo sugli effetti benefici in direzione dell’organismo, sui metodi di assunzione o applicazione, sulle eventuali controindicazioni.

Gymnema: tutto quello che occorre sapere sulla pianta

La Gymnema presenta diversi effetti benefici in direzione dell’organismo, mentre le sue foglie risultano ricche di una miscela composta da almeno nove acidi glicosidici, tra cui l’acido gymnemico A1, in grado di svolgere un’azione ipoglicemizzante tramite l’impedimento dell’assorbimento degli zuccheri a livello intestinale e la stimolazione metabolica dl glucosio a livello invece cellulare.

All’interno della pianta Gymnema l’acido gymnemico A1 risulta particolarmente importante andando l’assorbimento degli zuccheri a livello intestinale fino al 50%, rendendosi indicata soprattutto per l’assunzione nei soggetti diabetici e in caso di iperglicemia alimentare.

La Gymnema integra inoltre un effetto ‘anti-dolce’ andando ad annullare in pochi secondi la percezione dell’amaro e del dolce sotto una quantità limitata di prodotto il quale dovrà essere posto in direzione della lingua, utile per il controllo della necessità di assumere zuccheri controindicati nei soggetti affetti da patologie specifiche.

Ma quale posologia migliore per assumere la Gymnema? Le indicazioni riportano una concentrazione di 500-1000 mg al giorno di estratto secco sotto forma di compresse oppure capsule, in direzione di metà mattinata e metà pomeriggio. In concomitanza con le eventuali terapie farmacologiche si richiederà il parere del proprio medico curante, in quanto le sue proprietà potrebbero andare ad interagire con antidiabetici orali e insulina.

ATTENTIZIONE ALLE TRUFFE!

Avvisiamo tutti i nostri lettori di prestare molta attenzione ai siti ingannevoli che trovate online, molti di essi conducono a truffe! Solo nel qui avete la certezza di trovare il sito ufficiale del prodotto originale! Tutte le informazioni in questo pagina sono da considerarsi a titolo informativo e non sostituiscono in nessun modo il consulto da parte di un medico.

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle Vota per primo!

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password